Andare in un museo con la bicicletta

da 28 Marzo 2014Active0 commenti

Oggi vi racconto come ho conosciuto un museo dove si può andare in bicicletta!
È bello, ci si puo’ andare col sole e con la pioggia, ti fanno sempre entrare perché è all’aperto ma se piove la bici non si bagna!

Sabato 22 marzo, giorno dell’inaugurazione dell’ultimo tratto della ciclabile da Sanremo a Ospedaletti, andava proprio bene. Il tempo non sembrava promettere nulla di buono. Non importa – mi sono detta. E comunque se il detto vale per le spose, varrà anche per le inaugurazioni, no?

Inaugurazione bagnata, inaugurazione fortunata!

In ogni caso bisogna essere ottimisti. Perciò sono partita, armata di iPad, macchina fotografica digitale, cellulare ultima generazione e ho lasciato a casa l’ombrello. Ottimista. Sono arrivata a Sanremo con anticipo sufficiente e non vi nego che ho approfittato per farmi una bella passeggiata verso il mare seguendo la pista ciclabile che, attraverso la città, passa lungo il porto vecchio: ciclisti in abbigliamento da corsa, semplici sportivi del week end e pedoni occupavano la pista nonostante la giornata uggiosa. La maggior parte si recava verso ponente, molto probabilmente dove di lì a poco sarebbe stato inaugurato l’ultimo tratto della ciclabile: la galleria di Capo Nero che, costruita sul vecchio percorso della ferrovia, collega Pian di Poma a Ospedaletti.

museo ciclabile ospedaletti folla alla partenzaNon sono ciclista provetta, né jogger provetta, e mi avvicino a Pian di Poma con molta calma: al mio arrivo la folla in attesa dell’apertura, tra ciclisti, pedoni e giornalisti, è già notevole. Famiglie o amici che hanno noleggiato un risciò sul posto o che sono arrivate direttamente da Sanremo con questo mezzo, piccoli con le loro biciclette e genitori che li seguono, mamme o nonne con passeggini, la TV e i fotografi immancabili, e il punto di noleggio è stato letteralmente preso d’assalto. Mancano però i soggetti principali: li cercano tutti, dove sono? Non sono arrivati?

museo ciclabile ospedaletti arrivo corsaAd un certo punto qualcuno chiede di fare spazio: “Stanno arrivando, fate passare, fate passare, attenti, attenti!” E alle spalle di una folla stupita arrivano in volata, a strappare letteralmente il nastro dell’inaugurazione con le loro biciclette nell’ordine: lo storico campione, il “cannibale” Eddy Merckx, seguito a stretto giro di ruota dal Presidente di Area24 Giuseppe Argirò che precede di poco il Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e l’Assessore all’Agricoltura Giovanni Barbagallo: però!

La volata non si ferma e prosegue lasciando tutti gli astanti con la bocca asciutta. Mentre i più attrezzati li seguono con le loro biciclette cercando di tenere il loro passo atletico, i meno preparati seguono a piedi lungo la galleria museo, giornalisti compresi.

Ecco cos’è il nuovo tratto della ciclabile: una lunga galleria museo con mezzelune sul soffitto.

museo ciclabile ospedaletti Alla sinistra della mezzaluna la foto d’epoca a ricordo di avvenimenti memorabili della classicissima, sulla destra la didascalia che riassume l’evento. Questa sequenza accompagna chi pedala lungo la galleria e scandisce i tempi attuali riportando la mente indietro negli anni.

museo ciclabile Marco Pantani tweet Gazzetta dello SportSfilano Coppi e Bartali, avvenimenti storici, campioni d’epoca e attuali: una carrellata di ricordi del ciclismo nazionale e internazionale. A fare da contraltare tra il passato e il presente si susseguono sul selciato in rosa Gazzetta dello Sport una serie di tweet di persone note e meno note. Tutti hanno espresso il loro pensiero sulla classica delle classiche e sui principali protagonisti, anche loro dettando il ritmo ai ciclisti come il tamburo di una banda, e l’insieme a vedersi è bellissimo. Scandisce i tempi di questa storica corsa, che prosegue dal lontano 1907 ed è arrivata, macinando successi, fino ai giorni nostri.

Dopo tanto camminare e pedalare, a metà tunnel ecco la banda Sciacca Spaghi di Ospedaletti, seguita dai ciclisti della cittadina omonima, che viene incontro alla truppa di pedalatori proveniente da Sanremo: finalmente riuniti dopo lungo tempo grazie alla riapertura della galleria. I due gruppi si riuniscono per recarsi all’inaugurazione vera e propria, con tanto di buffet e discorsi.

Ormai manca poco alla fine del tunnel. Purtroppo la pioggia ci accoglie a Ospedaletti, ma nulla ferma gli amatori del pedale. Io che da ottimista non avevo portato l’ombrello mi rendo conto in questo momento che a volte l’ottimismo va bene, ma una cauta precauzione non va neppure male. E comunque inaugurazione bagnata, inaugurazione fortunata. Ora col nuovo tratto dell’Area24 da Sanremo attraverso la galleria di Capo Nero si raggiunge Ospedaletti.

Avanti nonostante la pioggia.

Lo scalo merci, attrezzato per l’occasione, accoglie tutti i partecipanti arrivati da ogni parte d’Italia, ma soprattutto dal Nord Italia. La presentazione è interessante: il Presidente G. Argirò ringrazia tutti i presenti e chi lo ha affiancato nel portare avanti l’opera, tracciando brevemente il corso della realizzazione. Il Presidente C. Burlando manifesta l’intenzione di far proseguire la pista ciclabile fino ad Andora e anche i Sindaci Crespi e Zoccarato esprimono la soddisfazione per la realizzazione dell’opera. Eddy Merckx, grande campione delle passate edizioni della classicissima ringrazia tutti per l’invito e non appena la presentazione termina viene preso d’assalto per la firma degli autografi. Intanto il buffet viene aperto per dare ristoro a chi, sfiancato dalla lunga corsa, ha necessità di riprendere le forze.

Visto il tempo uggioso, mi avvio cercando di bagnarmi il meno possibile alla ricerca di un taxi per fare ritorno a casa.

Vi ho insegnato ad andare in bicicletta dentro ad un museo, ma anche io ho imparato qualcosa: che si può essere ottimisti ma è sempre meglio non fidarsi quando si tratta di tempo atmosferico, e che il detto “Hai voluto la bicicletta? E adesso pedala!” oggi è stato assolutamente preso alla lettera come non mai dai nostri politici di casa, che sono stati dei ciclisti provetti!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *