La Liguria a tavola: la prescinsöa e le Focaccine di Pieve Ligure

da 12 Febbraio 2013Food3 commenti

La Liguria è bella da scoprire anche a tavola perché esistono molte prelibatezze.

Oltre al pesto con il profumatissimo basilico di Pra, la farinata e la trippa esistono alcune eccellenze gastronomiche che non tutti conoscono perché produzioni di nicchia.

torta pasqualina piatto tipico ligiureAbitando a ponente è capitato anche a me di trovare un formaggio genovese che non avevo mai visto come pietanza a sé, ma lo avevo sempre mangiato all’interno di ricette liguri, eppure è anche molto buono spalmato sul pane di Triora.

Lo scorso week end alla fiera Cibio presso i magazzini del cotone nel porto antico di Genova, tra i vari stand che proponevano prodotti tipici di varie regioni italiane, ho gustato un formaggio cremoso prodotto nell’entroterra ligure e in particolare nell’Appennino genovese: la Prescinsöa o prescinseua.

Si tratta di una cagliata genovese che si presenta con una consistenza tra yogurt e ricotta, il latte è insaporito dalle erbe aromatiche presenti nei pascoli dell’Appennino.

Viene utilizzata per la preparazione di molti piatti liguri tra cui la torta Pasqualina e molte torte salate. È ottima anche spalmata sul pane, mentre nel levante ligure viene utilizzata anche nella preparazione del pesto.

Una legge del 1413 indicava la Prescinsöa come l’unico omaggio che i genovesi potevano fare ai Dogi, forse per questo la si aggiunge in molte ricette tradizionali.

Un contadino mi ha dato una veloce e gustosa ricetta da fare in poco tempo.

Focaccine di Pieve Ligure

focaccette pieve piatto tipico ligureIngredienti:

  • 400 grammi di farina
  • 250 grammi di Prescinsöa
  • 2 cucchiai d’olio
  • acqua e sale

Impastare la farina con l’olio il sale e acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Stendere una sfoglia sottile e tagliarla quadrata oppure rotonda aiutandosi con la base di un piatto, spalmare la Prescinsöa e ricoprire con un’altra sfoglia facendo attenzione ad unire bene i due lembi in modo da non fare uscire il ripieno.

Friggere velocemente in abbondante olio di oliva.

Per gustarla potete andare nelle trattorie nei vicoli e non perdete l’occasione di comprala e prepararvi a casa le nostre ricette più buone.

3 Commenti

  1. Morganalarouge

    Una “cagliata genovese”? 🙂
    Non sapevo esistesse! la prescinsoea, banalmente, E’ una cagliata. Punto.
    Ovvero, latte appena munto e addizionato di caglio animale. Questa cagliata, come per la preparazione di qualsiasi formaggio viene “rotta” e quindi asportata e usata subito, anziché lasciata stagionare o lavorata ulteriormente. Si tratta quindi di una “cagliata presamica”.
    Tutto qui 🙂 La cosa più semplice del mondo. E anche la meno onerosa per i contadini, che non dovevano attendere ulteriori elaborazioni prima del consumo!! i soliti ‘genovesiì’! 😀

    Rispondi
  2. carla scarsi

    A Pieve Ligure le focaccine le chiamiamo FOCACCETTE! 🙂

    Rispondi
  3. Roberta

    Anche a Sori le chiamamo focaccette e non potrei vivere senza!!! E’ una delle specialita’ di mio papa’… Si usa anche nei ripieni di verdure e appunto nella torta pasqualina, risulta un pochino acidula ma una volta cotta si sposa benissimo con gli altri ingredienti e risulta meno pesante e densa della ricotta. La trovate al supermercato, provatela! 😉

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *